CLOSE
La strategia di Si.Va.F. è di migliorare sempre piu’ la qualità dei propri prodotti e servizi indirizzati ai propri clienti, vendors e partners, in modo da poter continuare ad offrire alle migliori condizioni commerciali, prodotti tecnologicamente avanzati.

Il MISE e la transizione 5.0 nel 2024

Il Ministero dello Sviluppo Economico (MISE) svolge un ruolo fondamentale nel processo di transizione 5.0 in Italia. Il MISE è responsabile della definizione e dell’attuazione delle politiche industriali, tra cui le politiche di sostegno agli investimenti in tecnologie abilitanti Industria 4.0.

Nel 2024, sosterrà la transizione 5.0 attraverso una serie di misure, tra cui:

  • Il Piano Transizione 5.0, che prevede un investimento di 12 miliardi di euro in tecnologie abilitanti Industria 4.0, intelligenza artificiale, economia circolare e sostenibilità.
  • Il Fondo Complementare al Piano Transizione 4.0, che prevede un investimento di 3 miliardi di euro in tecnologie abilitanti Industria 4.0 per le micro e piccole imprese.
  • Il Fondo Nazionale per l’Innovazione, che prevede un investimento di 1,8 miliardi di euro in ricerca e sviluppo.

Il Piano Transizione 5.0

Il Piano Transizione 5.0 è la misura più importante. Il Piano prevede un credito d’imposta per le imprese che investono in tecnologie abilitanti Industria 4.0, intelligenza artificiale, economia circolare e sostenibilità.

Il credito d’imposta è pari al:

  • 40% delle spese sostenute per l’acquisto di beni strumentali materiali fino a un massimo di 2,5 milioni di euro;
  • 20% delle spese sostenute per l’acquisto di beni strumentali immateriali fino a un massimo di 1 milione di euro;
  • 30% delle spese sostenute per la ricerca e sviluppo finalizzata all’innovazione tecnologica.

Il credito è fruibile in cinque quote annuali, di pari importo, a decorrere dall’anno successivo a quello di sostenimento delle spese.

Inoltre possono essere utilizzati in compensazione con le imposte dovute o in detrazione dall’imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF), dall’imposta sul reddito delle società (IRES) o dall’imposta regionale sulle attività produttive (IRAP).

Il Fondo Complementare

Il Fondo Complementare al Piano Transizione 4.0 è una misura rivolta alle micro e piccole imprese che investono in tecnologie abilitanti Industria 4.0. Il Fondo prevede un credito d’imposta pari al:

  • 50% delle spese sostenute per l’acquisto di beni strumentali materiali 4.0;
  • 30% delle spese sostenute per l’acquisto di beni strumentali immateriali 4.0.

Il credito d’imposta è fruibile in tre quote annuali, di pari importo, a decorrere dall’anno successivo a quello di sostenimento delle spese.

Il Fondo Nazionale per l’Innovazione

Il Fondo Nazionale per l’Innovazione è una misura rivolta a tutte le imprese che investono in ricerca e sviluppo. Il Fondo prevede un finanziamento a fondo perduto pari al:

  • 50% delle spese sostenute per la ricerca industriale;
  • 40% delle spese sostenute per lo sviluppo sperimentale.

Il finanziamento a fondo perduto è fruibile in un’unica soluzione.

Il MISE, attraverso altre misure, intende sostenere la transizione 5.0 in Italia e rendere le imprese italiane più competitive a livello globale.

Credito d’imposta per la ricerca e sviluppo;

Il credito d’imposta per la ricerca e sviluppo è concesso nella misura del 25% delle spese sostenute per attività di ricerca e sviluppo industriale, sperimentale o di ricerca applicata. Il credito d’imposta può essere utilizzato in compensazione con le imposte dovute o in detrazione dall’imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF), dall’imposta sul reddito delle società (IRES) o dall’imposta regionale sulle attività produttive (IRAP).

Deduzione per la ricerca e sviluppo.

La deduzione per la ricerca e sviluppo è concessa nella misura del 120% delle spese sostenute per attività di ricerca e sviluppo industriale, sperimentale o di ricerca applicata. La deduzione può essere utilizzata in diminuzione del reddito imponibile.

Il Piano Transizione 5.0 prevede inoltre degli incentivi per la formazione del personale. Gli incentivi sono concessi sotto forma di agevolazioni fiscali, quali:

Credito d’imposta per la formazione del personale;

Il credito d’imposta per la formazione del personale è concesso nella misura del 50% delle spese sostenute per la formazione del personale dipendente, fino a un massimo di 500.000 euro per ciascun anno. 

Deduzione per la formazione del personale.

La deduzione per la formazione del personale è concessa nella misura del 100% delle spese sostenute per la formazione del personale dipendente, fino a un massimo di 200.000 euro per ciascun anno. La deduzione può essere utilizzata in diminuzione del reddito imponibile.

Infine, il Piano Transizione 5.0 prevede un supporto alle PMI per l’accesso ai finanziamenti. Il supporto è concesso sotto forma di:

Garanzie pubbliche sui finanziamenti;

Le garanzie pubbliche sui finanziamenti sono concesse da SACE, società pubblica di garanzia per le esportazioni e gli investimenti. Le garanzie pubbliche possono essere concesse per finanziamenti bancari o finanziari, finalizzati all’acquisto di beni strumentali materiali e immateriali 4.0.

Contributi a fondo perduto.

I contributi a fondo perduto sono concessi da Invitalia, agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo d’impresa. I contributi a fondo perduto

Sivaf Informatica è aggiornata sui benefici che questi incentivi possono dare alle aziende che scelgono di stare al passo con i tempi, rimanere competitive e guardare al futuro con fiducia e preparazione adeguata.

Grazie ai sistemi che sviluppa, alla rete di partner e alla lunga esperienza Sivaf è in grado di aiutare le aziende ad affrontare la transizione 5.0 con piani personalizzati di investimento e sviluppo.

L’unico modo per sapere se siamo l’azienda che fa per te è contattarci.

Non pensarci troppo …

Fatti ricontattare per conoscere tutte le possibilità per la tua azienda.



Ultimi articoli

Vai al blog
Blog | 10 Giugno 2024

Sfide del 2024 per i laboratori di prove industriali

SiVaF Informatica da anni lavora a stretto contatto con laboratori di analisi ed officine di preparazione prove. Per questo motivo ha creato una soluzione ideale per affrontare la transizione digitale, che permetta alle aziende di ottenere risultati e benefici in breve tempo.
Blog | 22 Maggio 2024

Requisiti Piano Transizione 5.0 : da Industria 4.0 (5+⅔) all’APE

Alcuni requisiti derivano dai parametri definiti dalla Comunità Europea di abilitazione o certificazione a Industria 4.0, altri richiedono di monitorare i propri consumi energetici prima (ANTE) degli interventi per efficientare i processi produttivi e poi, di misurare i risparmi conseguiti (POST) grazie all’utilizzo delle tecnologie digitali. 

La nostra Newsletter

Seguici per scoprire le ultime novità e gli articoli di approfondimento del nostro blog


ISCRIVITI