CLOSE
La strategia di Si.Va.F. è di migliorare sempre piu’ la qualità dei propri prodotti e servizi indirizzati ai propri clienti, vendors e partners, in modo da poter continuare ad offrire alle migliori condizioni commerciali, prodotti tecnologicamente avanzati.

L’IA nella Diagnostica e Manutenzione predittiva

Secondo McKinsey & Company, la manutenzione predittiva basata sull’intelligenza artificiale può aumentare la disponibilità fino al 20%, riducendo i costi di ispezione del 25% e le spese di manutenzione annuali fino al 10%.1

La manutenzione predittiva non è un concetto nuovo.

La tecnologia per implementare la manutenzione predittiva è disponibile da anni.

Il punto critico è stata spesso la mancanza di competenze per convertire i dati in informazioni utilizzabili e il costo e il tempo associati al portarli internamente o alla gestione di servizi di terze parti

Il primo passo verso la manutenzione predittiva è la mappatura dei punti deboli unici e delle esigenze aziendali. Quindi inizialmente è necessario concentrarsi solo sul caso d’uso che ha il valore più significativo per il business.  

L’apprendimento automatico può essere suddiviso in apprendimento supervisionato e apprendimento non supervisionato. 

Nell’apprendimento automatico supervisionato, gli algoritmi operano su un set di dati di addestramento etichettato manualmente per creare un modello. Questo modello può essere utilizzato con i dati di produzione per restituire risultati o previsioni.

Nel ML supervisionato, una funzione (modello) viene addestrata per agire sul nuovo input in un modo definito utilizzando grandi quantità di dati categorizzati manualmente.

Nel ML non supervisionato, gli algoritmi funzionano con dati non etichettati per cercare modelli attraverso il raggruppamento e le correlazioni.

La manutenzione predittiva si basa sull’intelligenza artificiale e sulla disponibilità dei dati detti “Big Data”. 

È qui che l’IoT svolge un ruolo importante fornendo, archiviando ed elaborando i dati delle macchine. 

Una miriade di fonti sensori, sistemi di esecuzione della produzione, sistemi di gestione, composizione delle parti, dati storici sull’utilizzo delle apparecchiature e altro ancora, sono fonte primaria di informazioni.

Questi dati macchina vengono confrontati con ulteriori fonti aggiuntive; dati dell’ispezione umana manuali, dati statici (soprattutto quelli forniti dal produttore!) o dati da API esterne come ad esempio le condizioni meteorologiche che possono influire sulle apparecchiature.

È proprio la combinazione di più fonti e dati eterogenei che consente i modelli predittivi più robusti e accurati.

Dopo aver definito e raccolto i set di dati rilevanti, viene definito il modello predittivo dell’IA attorno a loro. 

L’implementazione di un modello di manutenzione predittiva nella produzione però richiede l’utilizzo di dati in tempo reale. 

A differenza dei dati utilizzati per addestrare modelli di intelligenza artificiale offline e in ambienti di test, i dati in produzione sono un obiettivo in movimento e in genere includono set di dati rumorosi, non strutturati o di piccole dimensioni. 

Le tecnologie integrate e l’esperienza dell’IA sono fondamentali per superare le difficoltà e raggiungere una robustezza e stabilità, pietra angolare di un’IA efficace. 

L’unico modo per sapere se siamo l’azienda che fa per te è contattarci.

Non pensarci troppo …

Fatti ricontattare per conoscere tutte le possibilità per la tua azienda.

Scopri di più con i nostri approfondimenti :

  • Sfide del 2024 per i laboratori di prove industriali
    SiVaF Informatica da anni lavora a stretto contatto con laboratori di analisi ed officine di preparazione prove. Per questo motivo ha creato una soluzione ideale per affrontare la transizione digitale, che permetta alle aziende di ottenere risultati e benefici in breve tempo.
  • Requisiti Piano Transizione 5.0 : da Industria 4.0 (5+⅔) all’APE
    Alcuni requisiti derivano dai parametri definiti dalla Comunità Europea di abilitazione o certificazione a Industria 4.0, altri richiedono di monitorare i propri consumi energetici prima (ANTE) degli interventi per efficientare i processi produttivi e poi, di misurare i risparmi conseguiti (POST) grazie all’utilizzo delle tecnologie digitali. 


Ultimi articoli

Vai al blog
Blog | 10 Giugno 2024

Sfide del 2024 per i laboratori di prove industriali

SiVaF Informatica da anni lavora a stretto contatto con laboratori di analisi ed officine di preparazione prove. Per questo motivo ha creato una soluzione ideale per affrontare la transizione digitale, che permetta alle aziende di ottenere risultati e benefici in breve tempo.
Blog | 22 Maggio 2024

Requisiti Piano Transizione 5.0 : da Industria 4.0 (5+⅔) all’APE

Alcuni requisiti derivano dai parametri definiti dalla Comunità Europea di abilitazione o certificazione a Industria 4.0, altri richiedono di monitorare i propri consumi energetici prima (ANTE) degli interventi per efficientare i processi produttivi e poi, di misurare i risparmi conseguiti (POST) grazie all’utilizzo delle tecnologie digitali. 

La nostra Newsletter

Seguici per scoprire le ultime novità e gli articoli di approfondimento del nostro blog


ISCRIVITI