CLOSE
La strategia di Si.Va.F. è di migliorare sempre piu’ la qualità dei propri prodotti e servizi indirizzati ai propri clienti, vendors e partners, in modo da poter continuare ad offrire alle migliori condizioni commerciali, prodotti tecnologicamente avanzati.

Manutenzione intelligente 4.0

La manutenzione è diventata ancora più intelligente da quando è arrivata la rivoluzione industriale 4.0.

Ma perché è intelligente?

Dopo anni di interventi, di corse, di progetti e di tante parole e azioni che si avvicendano quotidianamente nella pratica di questa attività l’arrivo della manutenzione 4.0 o manutenzione intelligente richiede un approfondimento di cosa sia, delle teorie di gestione e come trasporre le teorie alla pratica. Iniziamo dalla parte istituzionale: la definizione di manutenzione e qual’è la normativa di riferimento, la manutenzione è a tutti gli effetti una scienza e come tale si comprende meglio se ne si condividono i presupposti. 

La manutenzione è quella scienza che studia come e quali azioni e/o operazioni sono necessarie in un rapporto economico e sostenibile delle risorse, a gestire e conservare la funzionalità e l’efficienza di sistemi antropizzati o naturali.

Una definizione che si è evoluta nel corso degli anni, ma che trova fondamento nella finalità per cui è nata; conservare o riportare un’entità in uno stato in cui possa eseguire la funzione richiesta.

Passando velocemente dalla teoria alla pratica dei giorni nostri ecco che oltre alla definizione è utile conoscere la normativa di riferimento. Esistono diverse UNI che evolvendosi hanno trovato un linguaggio e dei termini condivisi utilizzabili quando si parla di manutenzione.

Quindi si passa dalla UNI 11063 che distingue le attività di manutenzione in “ordinarie” e “straordinarie” alla UNI 9910 che definisce le politiche di manutenzione in “correttiva”, “preventiva” e “migliorativa”. 

Se la manutenzione correttiva o a guasto è un’attività che un’organizzazione moderna ed efficiente cercherà di ridurre il più possibile quella preventiva invece deve essere quella preferita e maggiormente praticata.

La manutenzione preventiva è articolata a seconda del suo grado di maturazione ed organizzazione in : Ciclica, su Condizione e Predittiva.

Evoluta dal semplice concetto di azione di conservazione la manutenzione è ora intelligente, interattiva e resiliente, studia per un miglioramento continuo.

Grafico costi di manutenzione

Dalla carta al CMMS

La necessità di organizzazione date dall’aumento della complessità delle entità mantenute, ha portato allo sviluppo di applicativi per la manutenzione. Nati principalmente per eliminare la carta, in seguito hanno allargato la loro sfera di azione rendendo possibile una gestione completa dell’attività manutentiva ma non solo.

Cos’è un CMMS?

Sigla dell’espressione inglese Computerized Maintenance Management System – “Sistema computerizzato della gestione della manutenzione” è il termine con il quale si identifica un’applicazione software che supporta il sistema informativo per la gestione della manutenzione spesso integrata con l’Enterprise Resources Planning (ERP) aziendale.

Cos’è un EAM? 

Nata come un’estensione del sistema di gestione della manutenzione computerizzata, la gestione patrimoniale aziendale ( EAM ) si occupa della gestione del mantenimento delle risorse fisiche di un’organizzazione durante il ciclo di vita di ciascuna risorsa. 

CMMS e EAM vengono utilizzati per pianificare, ottimizzare, eseguire e tenere traccia delle attività di manutenzione necessarie con le priorità, le competenze, i materiali, gli strumenti e le informazioni associate. Comprende anche la progettazione, la costruzione, la messa in servizio, le operazioni, la manutenzione e la disattivazione o la sostituzione di impianti, attrezzature e strutture.

Quando la manutenzione diventa 4.0?

Così come lo è per ogni altro applicativo software 4.0 indica che l’informazione è circolare tra i diversi reparti aziendali, dall’ufficio all’officina, dalla sala riunioni del cliente al cantiere, le informazioni sono disponibili ed organizzate. Ne consegue che l’intelligenza del software deve far sì che questa sia accessibile quando serve, in maniera intuitiva aggiungerei e immediata.

Si raggiunge l’era del 4.0 quando le informazioni circolando tra i diversi reparti delle aziende, vengono utilizzate in maniera organica superando i confini fisici per convogliare in una struttura virtuale, digitale ed interconnessa.

Una nuova figura professionale sempre più importante : il Responsabile della manutenzione.

Il Responsabile di Manutenzione rappresenta una figura di importanza strategica per le aziende moderne in settori in cui la presenza di asset è importante come il Manufacturing, l’Engineering and Construction e la Logistica. Per competere in un business digitalizzato il Direttore di Manutenzione deve aggiornare le proprie competenze, conoscere e saper utilizzare le nuove tecnologie digitali per automatizzare i processi e rendere il lavoro più agile ed efficiente.

Oltre a garantire la supervisione e il coordinamento delle attività di manutenzione, deve assicurare innovazione, sicurezza e sostenibilità ambientale, in linea con quanto richie­sto dall’Agenda 2030 per lo sviluppo soste­nibile (SDGs). 

La manutenzione? Una questione di tempo!

In questo grafico con curva a vasca da bagno del rapporto tra guasti e tempo si vede chiaramente che per la manutenzione è solo questione di tempo, prima o poi il decorso naturale degli eventi porta all’usura e al degrado, quindi si interviene fino a quando sarà necessario sostituire facendo ripartire il ciclo di azioni manutentive.

 

Grafico tempi di intervento manutentivo

Perché i sistemi di manutenzione diventano intelligenti?

Le soluzioni software moderne permettono un lavoro in modalità “data-driven“, ossia ci si basa sui dati raccolti per fare analisi, programmare ed organizzare il lavoro. Cercando sempre più di agevolare l’utente, processando ed elaborando le informazioni acquisite, i software “intelligenti” automatizzeranno quelle operazioni a basso valore aggiunto lasciando più tempo per lo svolgimento di quelle remunerative.

L’intelligenza è una funzione che opportunamente configurata “pensa” al posto dell’utente.
Un software intelligente, una volta configurato, mostrerà al momento giusto l’informazione di cui si ha bisogno.

Non perdere tempo a ricordare agli appuntamenti o ai punti della pratica operativa, chiedi al software che penserà per noi.

La manutenzione intelligente aiuta davvero le aziende?

Dotarsi di un sistema gestionale per realizzare una manutenzione intelligente aiuta i tecnici, agevola i manager e fa risparmiare l’azienda.

Dotarsi di un sistema computerizzato di gestione della manutenzione è una necessità ovvia nel 2020.

 

Quanto investire, da dove iniziare e quale sistema scegliere?

Noi consigliamo siManutenzione, il CMMS di siSuite, completamente in cloud e che offre tutte le funzionalità che rendono la manutenzione digitale, intelligente e 4.0. Il modello di vendita Saas permette a tutte le aziende di iniziare ad una costo contenuto e sostenibile.

Con la sottoscrizione ad un canone mensile ad utente anche le aziende unipersonali potranno godere dei vantaggi di un CMMS di nuova generazione.

SiSuite è la risposta di Sivaf al mondo delle imprese per ridurre i costi generali di gestione, per aumentare la produttività operativa di ogni realtà  e per potenziare le prestazioni dei servizi offerti. Ideata nel 2018 e ispirata ai principi della lean digital transformation, SiSuite è uno strumento flessibile, totalmente personalizzabile,  che consente di :

  • Creare, Gestire e Monitorare :
    • Ordini di Lavoro e/o Commesse
    • Attività e/o Progetti
    • Assets propri o per conto terzi
    • Magazzino, giacenze e parti
    • Consuntivo ore e costi
    • Clienti
  • Coordinare, supervisionare e organizzare Attività per Tecnici, Team, Squadre di Lavoro e Collaboratori Esterni
  • Ottimizzare delle risorse tecniche e umane
  • Analizzare e prendere decisioni mentre il personale è ancora in fase operativa
  • Gestire la preparazione degli interventi, la loro programmazione e i relativi costi
  • Facilitare l’analisi dello stato degli ordini di lavoro
  • Semplificare le decisioni di gestione grazie a dati in real time
  • Generare automaticamente ordini di lavoro relativi alla manutenzione preventiva
  • Eseguire un inventario in maniera organizzata
  • Eseguire operazioni di carico e scarico, gestione giacenze e parti completamente integrate con la gestione degli ordini di lavoro e degli asset

 

Il modo più semplice per valutare siSuite?

Con una Demo on-line, personalizzata, comoda e gratuita. 

Prenota la demo di sisiute

Prenota la demo di sisiute



Ultimi articoli

Vai al blog
Blog | 3 Marzo 2020

Manutenzione Predittiva e industria 5.0

Prima del passaggio alla nuova era industriale, la manutenzione predittiva diventerà un’attività quotidiana e la politica manutentiva un processo critico nei business plan aziendali.
Blog | 18 Febbraio 2020

Inizia subito ad utilizzare siSuite

La nostra Newsletter

Seguici per scoprire le ultime novità e gli articoli di approfondimento del nostro blog


ISCRIVITI